You are here
Home > L'arte del Settecento italiano > Rosalba Carriera: “vaporosa elegia”

Rosalba Carriera: “vaporosa elegia”

Tengo particolarmente, pur non contandolo come mio favorito (i miei gusti sono più orientati verso Francia e in parte Inghilterra), a proporre altri assaggi del Settecento pittorico italiano, stranamente non molto noto alla maggior parte del pubblico italiano stesso. Un caso particolare, quello della veneziana Rosalba Carriera (1675 – 1757), a cavallo fra due epoche come il già citato Fra’ Galgario: innanzitutto per il genere a cui apparteneva, in una società in cui la donna che pretendeva di possedere talenti afferenti alla sfera intellettuale veniva considerata tutt’al più una squisita bizzarria. Come si è però in precedenza rilevato, la figura femminile acquista proprio nel XVIII secolo una nuova luce, che rischiara in particolare le vicende di coloro che si dedicarono alla pittura e al disegno. La Carriera non fa eccezione: le straordinarie doti di penetrazione psicologica, l’abilità di vivere in una società estremamente stratificata come quella settecentesca, la vastità degli interessi fecero di questa artista la ritrattista più richiesta di Venezia e in seguito d’Europa. La tecnica che la Carriera preferiva, ovvero il pastello su carta, si accosta magnificamente alla «melanconica eleganza» e alla «vaporosa elegia» (secondo le acute parole di Roberto Longhi) del suo stile grafico: la sua mano immortala le fattezze del ritrattato come avrebbe potuto fare un Arcimboldo, con nuvole zuccherine e golosa, soffice pasta di mandorle a sostituire i frutti della terra. Ma l’arte di Rosalba Carriera è soprattutto attenta alla mistica della femminilità come si respirava a Venezia, che dai fasti barocchi traslava verso la mai troppo sottolineata complessità del rococò: è sufficiente appuntare lo sguardo sui suoi ritratti di donna per ricevere a nostra volta la seducente risposta di altri sguardi, languidamente vacui, soavemente decadenti.

Rosalba Carriera, “Autoritratto”, 1715 (Firenze – Galleria degli Uffizi)
Rosalba Carriera, “Ritratto di Barbara Campanini”, 1744 (Dresda, Gemäldegalerie)
Rosalba Carriera, “Ragazza con pappagallo”, 1720 ca (Chicago – Art Institute)
Rosalba Carriera, “Ritratto di Caterina Barbarigo”, 1740 ca (Dresda, Gemäldegalerie)

CC BY-NC-ND 4.0 Rosalba Carriera: “vaporosa elegia” by Cinema e Arte is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

Lascia un commento

Top